Un libro lasciato nello scaffale più alto della libreria di casa, confuso tra i cento libri di una bancarella,
amato e poi dimenticato… Libri persi nel tempo che possono tornare a essere vivi, diversi e preziosi sotto
il tocco magico dell’arte che trasforma le pagine non più solo da leggere ma anche da toccare attraverso
disegni, collages, pitture, tagli, fili…
L’originale mostra di Libri d’Artista DOPPIO SENSO organizzata da Elisabetta Olobardi, Antonella
Pieraccini e Simonetta Zanuccoli negli spazi di Libri Liberi in via San Gallo 25r che si inaugura giovedì
24 maggio alle ore 18 nasce dall’idea di creare un rapporto tra l’autore di un testo e un artista in un
intreccio tra l’espressione narrativa e quella pittorica dove i libri riemergono con un significato diverso, si
raccontano e tornano a essere un libro.
Per questo motivo, nel gioco di sdoppiamento, diventa parte integrante il bellissimo libro DOPPIO
SENSO che è anche il catalogo della mostra risultato di talenti molteplici e di un continuo cambio di
senso. Nelle sue pagine i 44 artisti, tra i migliori creatori di Libri d’Artista, che hanno partecipato al
progetto diventano scrittori parlando del libro sul quale sono intervenuti o narrando semplicemente di un
ricordo a lui legato e i fotografi, Giovanna Sparapani e Renato Piazzini, si trasformano in artisti
interpretando in un dettaglio poetico, a volte struggente, la sintesi dell’opera fotografata. Una creatività
collettiva merita una Poesia Collettiva. Silvia Barsi la crea cogliendo con delicatezza le parole dai vari
testi per mischiarle e dare loro… un altro senso.
“Dietro le quinte”, nei numerosi incontri che hanno portato alla creazione della mostra e di questo libro, i
preziosi consigli di Aldo Frangioni e l’impegno e l’emozione di un progetto corale che si realizza. La
mostra durerà fino al 14 giugno.