È una domenica pomeriggio fredda e piovosa quando varco la soglia del piccolo spazio di Via San Gallo chiamato Il Baule (via San Gallo 34r)… e rimango subito stupefatta dalla incredibile quantità di tesori che ammiccano e spuntano da ogni parte! Sono come abbagliata! Coralli, spille, anelli, collane e orecchini, statue e vasi che la Signora Patrizia, proprietaria insieme alla sorella Alessandra, mi mostra con noncuranza aprendo un cassetto dietro l’altro, indicando un mobile o un quadro. I bagliori, i colori e l’allegria dell’insieme è tale che resto completamente avvinta e senza parole. Proprio in quel momento squilla un telefono e Patrizia, con il suo sorriso aperto e dolcissimo, corre a rispondere. È allora che mi soffermo a osservare: non solo bijoux e coralli, ma molto, molto altro si trova stipato in questo piccolo negozio che sa di antico e prezioso proprio come un baule che custodisce un tesoro nascosto dai pirati. Ad esempio ci sono tantissimi presepi, di ogni forma e dimensione, d’argento, di corallo e persino uno, bellissimo, della metà dell’Ottocento proveniente dalla Sicilia. In quest’ultimo ogni personaggio ha una fisionomia diversa e l’espressività è di una naturalezza tale da far supporre che da un momento all’altro l’uno o l’altro possano muoversi e proferire parola. Quando la Signora Patrizia torna mi guarda sorridente: è una professoressa di Italiano e Latino in pensione e parlare con lei è un vero piacere perché mi narra la storia di ogni singolo oggetto in vendita, dai vasi in stile Liberty a quelle ceramiche siciliane così variopinte e insolite da lasciarmi impressionata, alla bellissima bigiotteria di ogni prezzo o ancora ai quadri e alle statue. “Questa è un’attività che esiste da molti anni e che mi ha dato molte soddisfazioni!”, mi dice Patrizia. “La forza del mio negozio sta sia nella varietà degli oggetti proposti sia nella molteplicità dei prezzi: ci sono acquisti per pochi euro fino a raggiungere costi più alti a seconda della preziosità dell’oggetto che si sceglie… ma c’è la possibilità di una notevole scelta, mi creda!”. Devo dire che è vero perché chiedo il prezzo di svariati oggetti per gli imminenti regali di Natale e ce n’è per tutti i gusti!

Resto un bel po’ a parlare con Patrizia che mi racconta la storia di Via San Gallo, un tempo l’antica Via Romea e del Mugnone il cui corso nel Rinascimento fu deviato da Michelangelo per la costruzione della Fortezza… altrimenti questa via meravigliosa avrebbe anche avuto un fiume! Quando esco non piove più e mi avvio verso il Duomo: ho gli occhi scintillanti e non so ancora se è per il luccichio dei tesori appena visti, per la calda accoglienza di Patrizia o perché tramite i suoi racconti mi è sembrato di aver fatto un viaggio nel passato!